Microsoft, arriva il tasto Copilot: cos’è e a cosa serve

Cosa significa cambiare un tasto della tastiera in milioni e milioni di pc? E come funzionerà il tasto di Microsoft tutto dedicato all’intelligenza artificiale?

A partire da questo mese, alcuni nuovi personal computer con sistema operativo Windows di Microsoft disporranno di uno speciale “tasto Copilot”, che avvierà il chatbot AI del gigante del software.

L’idea di convincere i produttori di computer di terze parti ad aggiungere un tasto AI ai computer portatili è l’ultima mossa di Microsoft per capitalizzare la sua stretta collaborazione con il produttore di ChatGPT OpenAI e diventare un punto di accesso per le applicazioni della tecnologia AI generativa.

Ha dichiarato che alcune aziende dovrebbero presentare i loro nuovi modelli alla fiera dei gadget CES della prossima settimana a Las Vegas. Intanto sbirciamo insieme il suddetto funzionamento del nuovo pulsante.

Il grande annuncio di Microsoft

Il cambiamento di piattaforma guidato dall’innovazione dell’IA continua a crescere rapidamente e in modo potente, cambiando radicalmente il modo in cui utilizziamo la tecnologia nel lavoro e nella vita. Noi di Microsoft ci impegniamo a mettere le persone e le organizzazioni nelle condizioni di adattarsi e prosperare in questa nuova era dell’IA“.

La pressione di un pulsante sarà un modo per evocare un agente di intelligenza artificiale, mentre Microsoft esercita la sua influenza nel settore informatico per rimodellare la prossima generazione di tastiere.

Sì, perché quando si agisce sull’hardware, poi è spesso molto difficile tornare indietro. E “indietro” è una parola, un movimento che alla tecnologia sta sempre antipatico.

Ripassiamo cos’è Copilot di Microsoft

Copilot vuole essere un assistente digitale basato sull’intelligenza artificiale, ed è stato sviluppato da Microsoft in risposta agli altri grandi colossi dell’AI, come Bard di Google e, soprattutto, ChatGPT di OpenAI.

Lo strumento può essere utilizzato per una vasta gamma di compiti, come la creazione di documenti, la stesura di testi, la gestione delle email, la programmazione e la ricerca online. Copilot utilizza le interfacce di chat e i Large Language Models (LLM) – in parole povere: uno stile di conversazione più “umano” possibile – per consentire agli utenti di esprimere le proprie richieste in linguaggio naturale e ricevere risposte intelligenti, pertinenti, corrette ed esaustive.

Inoltre, Copilot può incorporare contesto e l’”intelligenza” derivante dal Web, i dati relativi all’attività lavoro e i task in corso di sviluppo sul PC, in tempo reale. Copilot è disponibile su Windows 11 ed è approdato da pochissimo anche su mobile, prima disponibile per dispositivi Android e poi anche per quelli iOS.

Come funziona il nuovo pulsante dedicato a Copilot?

Ora torniamo alla versione desktop da computer, quella che d’ora in avanti sarà attivabile solo tramite un pulsante. Come un vero e proprio assistente o, per meglio dire, copilota di viaggio.

Il nuovo tasto AI sarà contrassegnato dal logo Copilot, simile a un nastro, e si troverà vicino alla barra spaziatrice. Su alcuni computer sostituirà il tasto destro “CTRL”, mentre su altri sostituirà un tasto del menu.

La riprogettazione della tastiera sarà il più grande cambiamento apportato da Microsoft alle tastiere dei PC da quando, negli anni ’90, ha introdotto un tasto speciale per Windows. Il design del logo a quattro quadrati di Microsoft si è evoluto, ma il tasto è stato un punto fermo delle tastiere orientate a Windows per quasi tre decenni.

Copilot pulsante
Copilot pulsante | @ANSA – Zak-site.com

La corsa al migliore utilizzo di IA

Sebbene la maggior parte delle persone si connetta a Internet – e alle applicazioni di IA – tramite telefono piuttosto che tramite computer, si tratta di un inizio simbolico di quello che si prevede sarà un anno intensamente competitivo, in cui le aziende tecnologiche faranno a gara per superarsi a vicenda nelle applicazioni di IA, anche se non hanno ancora risolto tutte le ramificazioni etiche e legali.

Ma con l’IA non si deve esagerare

Il mese scorso il New York Times ha citato in giudizio sia OpenAI sia Microsoft, sostenendo che strumenti come ChatGPT e Copilot – precedentemente noto come Bing Chat – sono stati realizzati violando articoli di cronaca protetti da copyright.

La personalizzazione dei tasti non è una novità

Microsoft non è l’unica azienda ad avere tasti personalizzati. Apple è stata pioniera di questo concetto negli anni ’80 con il tasto “Command” caratterizzato da un design quadrato ad anello (per un certo periodo ha anche sfoggiato il logo Apple).

Google ha un tasto di ricerca sui suoi Chromebook ed è stata la prima a sperimentare un tasto specifico per l’intelligenza artificiale per lanciare il suo assistente vocale sul suo Pixelbook, ora dismesso.

Microsoft però detiene il trono dei pc

Ma Microsoft ha una presa molto più forte sul mercato dei PC grazie agli accordi di licenza con produttori terzi come Lenovo, Dell e HP. Secondo la società di ricerche di mercato IDC, circa l’82% di tutti i computer desktop, portatili e workstation utilizza Windows, rispetto al 9% del sistema operativo interno di Apple e a poco più del 6% di quello di Google.

Microsoft non ha ancora comunicato quali produttori di computer installeranno il pulsante Copilot oltre alla propria linea di dispositivi Surface. Ha dichiarato però che alcune aziende dovrebbero presentare i loro nuovi modelli alla fiera dei gadget CES della prossima settimana a Las Vegas.

Questo inserimento è destinato a segnare la storia

È il primo cambiamento significativo alla tastiera dei PC Windows in quasi tre decenni”, spiega Microsoft, riferendosi a quando fu introdotto proprio il tasto Windows, in origine pensato semplicemente per aprire il menu Start e poi evolutosi sempre di più fino ad avere un ruolo preponderante nella realizzazione delle scorciatoie.

Riteniamo che consentirà alle persone di partecipare più facilmente alla trasformazione dell’intelligenza artificiale”, dice il vicepresidente Yusuf Mehdi.

Si potrà tornare indietro al semplice CTRL?

Non è nemmeno chiaro se sarà possibile scegliere, per esempio dalle impostazioni di Windows 11, di disattivare l’opzione Copilot e ripristinare la funzionalità di CTRL destro tradizionale – o, viceversa, di assegnare l’apertura di Copilot alle tastiere con il layout tradizionale.

Immaginiamo che, in caso negativo, si possa sempre pensare di fare ricorso alla funzione Keyboard Manager della suite di utility open-source PowerToys, che permette di rimappare/disabilitare i tasti della tastiera – e creare scorciatoie personalizzate, tra l’altro.

Impostazioni privacy